martedì 24 marzo 2015

Book-to-Movie: Cenerentola

La rubrica dedicata ai romanzi divenuti film e serie tv
in uscita ogni venerdì solo su Over The Hills And Far Away

"Voglio starnutire pupazzini di neve!" e dopo questa mia presa di posizione mi accingo a fare una recensione obiettiva di uno dei film che mi premeva di più vedere quest'anno. Dopo "La leggenda di un amore" - con un'incantevole Drew Barrymore - ecco approdare nelle sale cinematografiche una nuova versione targata Disney della celebre fiaba di Charles Perrault, Cenerentola.

Titolo: Cenerentola
Regia: Kenneth Branagh
Sceneggiatura: Aline Brosh McKenna, Chris Weitz
Genere: Comedy | Fantasy | Drama
Durata: 112 min
Nazione: USA
Anno: 2015
Cast:  Lily James, Cate Blanchett, Richard Madden, Helena Bonham Carter
Sito Ufficiale: click

Prima di addentrarmi nel commento al film, voglio dirvi che il cortometraggio Frozen - Fever mi ha letteralmente stregata, da qui la mia esternazione iniziale su starnuti e pupazzini di neve. Breve, troppo breve, e divertentissimo, con tanto di canzone coinvolgente e che si fa subito cantare! Ops, ora mi fermo e riprendo in mano le redini di questo post, giuro!
Il primissimo trailer di Cenerentola è apparso, come per magia, a maggio dello scorso anno; un video brevissimo e con il primo piano della scarpetta di cristallo che mi ha mandata in brodo di giuggiule, con tanto di urletti estasiati, manco avessi visto Robb Stark sotto casa.

E' stata proprio la presenza, nei panni del Principe "Kit", di Richard Madden che mi ha incuriosita. Sapete com'è, quando un attore diventa famoso per un determinato ruolo, sono sempre curiosa di vederlo fuori dal contesto (in questo caso quello di Game of Thrones). Altro punto a favore è stata la regia: ammiro Kenneth Branagh sin dai tempi di Molto rumore per nulla e, in qualche modo, per me è sinonimo di garanzia.

"Dove c'è gentilezza, c'è bontà. E dove c'è bontà, c'è magia.."

Ella è la giovane figlia di un mercante che, rimasto vedovo, decide di convolare a seconde nozze con l'avara Lady Tremaine, già madre di Anastasia e Drisella. Nonostante l'arrivo delle tre, per certi versi ad alterare l'equilibrio di padre e figlia, tutto pare andare per il verso giusto fino al giorno in cui, durante uno dei suoi viaggi, il padre di Ella s'ammala e muore. Questo fatto è la "miccia" che porta allo sviluppo della storia che ha affascinato generazioni e generazioni di bambine, ora donne e madri.

Ammetto di non aver mai letto il libro di Perrault da cui è stato tratto, ma ricordo molto bene quando da piccola mi raccontavano la storia di Cenerentola e dei tre balli indetti dal Principe Azzurro a cui lei si presentava, ogni volta, con un abito diverso. La cosa che mi è sempre piaciuta di questa storia è che non importano le origini dell'uno o dell'altra ma, semplicemente, l'amore è in grado di sovrastare ogni cosa. In merito a questo posso dire, almeno per quanto mi riguarda, che la pellicola è riuscita a suscitare le stesse emozioni che il racconto mi regalava da bambina. Una splendida favola capace di far riemergere quel sogno che tutte le ragazze covano dentro di sé.. trovare quell'unica e sola persona capace di amarti semplicemente per ciò che sei.

"Ricorda.. la magia avrà una sua durata. All'ultimo rintocco della mezzanotte.. l'incantesimo finirà e tutto tornerà come prima."

E' giunto il momento di parlare del cast e dell'ottima scelta degli attori protagonisti e non. Iniziamo subito con la bella Lily James, che interpreterà anche Lizzie Bennet in Orgoglio, Pregiudizio e Zombie, che prima d'ora non avevo mai seguito. Cenerentola doveva essere interpretata da una ragazza non solamente bella ma anche capace di rendere quel carattere genuino tipico del personaggio. Direi che c'è riuscita, nonostante io adori la versione di Drew Barrymore. Un'attrice che ben s'accompagna con la figura del Principe! Cosa dire di Richard Madden? I ruoli che lo vedono come principe (o Re del Nord) gli calzano a pennello, come quelle lenti a contatto azzurre che mi hanno lasciata stranita alla prima visione del trailer, tanto da riuscire nell'intento di rappresentare, al di là del lignaggio, un normalissimo ragazzo che sogna di sposare la donna che ama. Helena Boham Carter nel ruolo di Fata Madrina è stata una bomba anche se, per me, l'interpretazione di Bellatrix Lestrange rimarrà la migliore. Non dimentichiamo la bella Cate Blanchett che qui, interpretando la matrigna di Cenerentola, a mio parere non ha brillato particolarmente.

Concludendo questo mio commento, il film scorre fluidamente in ogni sua parte e riesce ad affascinare lo spettatore senza mai annoiarlo. Una pellicola che consiglio ai piccini ma anche a chi, come me, vuole tornare bambino per un paio d'ore (o poco meno).

Giudizio personale: 

4 commenti:

  1. L'ho adorato <3 anche il corto di Frozen ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il corto è stato fantastico! Viva i pupazzini!!

      Elimina
  2. Lo voglio vedere anch'io *____* non sapete quanto! Ne sento parlare benissimo da tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ne hai occasione guardalo che merita veramente tanto :3

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...