mercoledì 17 febbraio 2021

{Review Party} "Tra le tue braccia" di Ester Ashton


Buon pomeriggio miei carissimi Folletti e benvenuti al Review Party di Tra le tue braccia di Ester Ashton. Come ben sapete non è il primo lavoro di Ester che ho modo di leggere e recensire per voi, probabilmente è il primo romanzo breve.. o forse no? Ad ogni modo, come sempre, eccovi la scheda del libro e il mio personalissimo commento. Pronti? Si parte!


Titolo: Tra le tue braccia
Autore: Ester Ashton
Casa Editrice: Autopubblicato
Data di Pubblicazione: 11 febbraio 2021
Pagine: 134 pagine
Prezzo di copertina: 4,99€ (ebook 2,99€)

Acquistalo su Amazon
20 centesimi di secondo è il tempo sufficiente a far scoccare un colpo di fulmine, Oliver Westmore l'ha provato utilizzando un ascensore per raggiungere il suo piano. Abigail Cooper è riuscita a mettere in discussione tutto il suo mondo e le sue certezze in quei pochissimi istanti. Vuole conoscerla, baciarla, amarla. Sentimenti opposti con l'immagine del playboy che ha cucita addosso. Abigail odia tutto quello che Oliver rappresenta: rapporti effimeri e superficiali, consumati giusto per placare un impulso fisico, eppure è bastato un bacio di Oliver per annientare ogni sua sicurezza.


La narrativa erotica, sia essa appartenente all'urban fantasy o contemporary, non mi dispiace e lo sapete bene; il mio angolino non manca di recensioni dedicate a questo genere di racconti. Cosa dire, l'ho sempre trovato ottima come lettura d'evasione durante l'estate - soprattutto - e non solo. Premesso questo, ora starete aspettando la stroncatura in tronco di questo breve romanzo e invece no!

Tra le tue braccia appartiene esattamente a questa tipologia di opera: un sogno peccaminoso che in molte hanno e che per la bella Abigail, la nostra protagonista, diviene realtà. Oh dai, chi non ha mai fantasticato su un incontro hot in ascensore?

L'incontro tra la giovane e Oliver, playboy incallito nonché uomo di successo, avviene proprio in un ascensore del palazzo in cui la donna lavora. Inutile dirlo, tra i due scocca la scintilla e la passione è a dir poco travolgente. Tra altri e bassi, insicurezze e scoperte, i due intrecciano una particolare relazione.

Ora, in una situazione reale, Oliver per quanto possa essere attraente, affascinante e quel che volete, minimo minimo, oltre allo schiaffo, si beccherebbe pure una bella denuncia ma.., stiamo parlando fortunatamente di fiction.

Tutto si svolge talmente in fretta, basti pensare che l'intera vicenda si svolge nell'arco di un mese (tenendo conto anche delle settimane di silenzio tra i protagonisti), che il lettore quasi non si rende conto di essere giunto all'ultima pagina. Se da un lato questo rappresenta un punto a favore, può tuttavia essere visto anche come un difetto. Infatti, la velocità con cui i sentimenti tra i due personaggi principali crescono, concretizzandosi nell'epilogo ambientato sei mesi più tardi, può non sembrare molto realistico. Tuttavia, se mettiamo da parte questo piccolissimo appunto, è grazie allo stile scorrevole, diretto e senza fronzoli se il testo si legge velocemente (o dovrei dire voracemente?). Un'ottima lettura per chi vuole concedersi un pomeriggio di stacco dalla quotidianità e, perché no, in compagnia di un bel manzo!

Consigliato: si
Tempo di lettura: un pomeriggio
Canzone consigliata: "Love in an Elevator" degli Aerosmith

lunedì 15 febbraio 2021

{Cover Reveal} "Custode dell'Oltretomba" di Emanuela A. Imineo

Buongiorno miei carissimi Folletti, come state? Ridendo e scherzando siamo giunti a metà febbraio, il tempo passa velocemente.. non trovate anche voi? Ad ogni modo, quest'oggi vi voglio presentare il secondo ed ultimo volume della dilogia dedicata a Borgo Opaco. Custode dell'Ombra, nato dalla prolifica penna di Emanuela A. Imineo, uscirà il 27 febbraio e, preparatevi, in concomitanza ci sarà anche un Review Party.

Custode dell'Oltretomba
di Emanuela A. Imineo
Data di pubblicazione: 27 febbraio 2021
Genere: dark fantasy, narrativa gotica
Pagine: 343 pp.
Amazon

Borgo Opaco non ha più l'aspetto bizzarro e fiducioso a cui eravamo abituati. La scelta di Moon ha rotto un delicato equilibrio e quel luogo, a metà strada tra il mondo degli uomini e quello degli dei, ha perso l'innocenza e conosciuto la morte. Neanche Metelaine è più come ricordavamo: la giovane strega tutta boccoli e buone maniere è fiaccata da una vita spesa al confine con l'Oltretomba. Tutti i giorni, Metelaine fa i conti con le conseguenze delle azioni di Moon, spegnendosi una sepoltura dopo l'altra, un errore dopo l'altro. Osiride però rimescola le carte in tavola con una proposta, perché esiste una via per riparare tutto ciò che si è rotto: Metelaine deve partire alla ricerca di un oggetto segreto e dal potere divino. Questa volta sarà lei a dover compiere una scelta, mettendo tutto in discussione, anche sé stessa. Da Valle Eterea alle Montagne dei Dimenticati per poi scendere nell’Oltretomba, Metelaine affronterà un cammino di vendetta e redenzione per poter pagare il prezzo delle scelte altrui, ma anche delle proprie. 

Attenzione: i fatti di questo libro si collocano circa un anno dopo quelli raccontati nel primo romanzo della dilogia Al di là di Borgo Opaco. Per comprenderne la storia è quindi necessario aver letto il volume precedente. Su www.aldiladiborgoopaco.com ti aspettano porte segrete e contenuti interattivi per scoprire il mondo della stregoneria e ciò che si nasconde dietro il velo. Benvenuto a Borgo Opaco e attento, che la sua ombra non ti venga mai a cercare.


Non so voi ma io mi sono innamorata di questa cover e non vedo l'ora di leggere per voi l'attesissimo seguito di Al di là di Borgo Opaco (la recensione al primo capitolo della dilogia potete trovarla qui). A questo punto, non mi resta che darvi appuntamento al 27 febbraio con il Review Party di Custode dell'Oltretomba.

venerdì 12 febbraio 2021

{Recensione} "Il Duca e io. Serie Bridgerton #1" di Julia Quinn

Il suo debutto su Netflix risale a Natale 2020 e nel giro di pochissimo è diventata un must: sì, sto parlando della serie Bridgerton. Ad inizio anno ho avuto modo di darvi un mio veloce parere sulla prima stagione, ora sono qui per parlarvi del romanzo da cui tutto ha avuto inizio. Siete pronti ad addentrarvi nell’epoca Regency? Seguitemi!


Titolo: Il Duca e io
Autore: Julia Quinn
Serie: Serie Bridgerton #1
Casa Editrice: Oscar Mondadori
Data di Pubblicazione: 1 settembre2020
Pagine: 341 pagine
Prezzo di copertina: 14,50€ (ebook 5,93€)

Acquistalo su Amazon

Londra, 1813. Simon Arthur Henry Fitzranulph Basset, nuovo duca di Hastings ed erede di uno dei titoli più antichi e prestigiosi d'Inghilterra, è uno scapolo assai desiderato.
A dire il vero, è letteralmente perseguitato da schiere di madri dell'alta società che farebbero di tutto pur di combinare un buon matrimonio per le loro fanciulle in età da marito.
E Simon, sempre alquanto riluttante, è in cima alla lista dei loro interessi.
Anche la madre di Daphne Bridgerton è indaffaratissima e intende trovare il marito perfetto per la maggiore delle sue figlie femmine, che ha già debuttato in società da un paio d'anni e che rischia di rimanere - Dio non voglia! - zitella.
Assillati ciascuno a suo modo dalle ferree leggi del "mercato matrimoniale", Daphne e Simon, vecchio amico di suo fratello Anthony, escogitano un piano: si fingeranno fidanzati e così saranno lasciati finalmente in pace.
Ciò che non hanno messo in conto è che, ballo dopo ballo, conversazione dopo conversazione, ricordarsi che quanto li lega è solo finzione diventerà sempre più difficile. Quella che era iniziata come una recita sembra proprio trasformarsi in realtà.
Una realtà tremendamente ricca di passione e coinvolgimento…


Primo di ben otto volumi, Il Duca e io rappresenta il debutto della serie Bridgerton di Julia Quinn, scrittrice statunitense con all'attivo numerosi romance. Ambientata in una delle epoche, quella della Reggenza, più evocative del panorama letterario (a farle compagnia quella Vittoriana), la serie ripercorre le storie e gli amori degli otto figli – quattro maschi e quattro femmine – dei Visconti Bridgerton: un libro per ognuno di loro. Non nascondo di appartenere a quella schiera di lettrici che hanno scoperto la saga solamente a seguito della serie rilasciata dalla piattaforma on demand e, vi dirò di più, sono sempre felice di scoprire nuovi titoli da inserire nella mia wishlist.

Londra 1800. La giovane Daphne Bridgerton ha debuttato in società da quasi due anni e ancora non sembra esserci un marito all’orizzonte; a detta della stessa, tutto ciò è dovuto essenzialmente a due fattori: il primo, esser vista dai gentiluomini come un’amica e, secondo, al suo aspetto per nulla di straordinario. Come se questo non fosse già causa di “stress”, da alcuni mesi è apparsa una sorta di pagina scandalistica che attira la curiosità dei nobili e allo stesso tempo li fa tremare. Lady Whistledown, questo il nome della fantomatica donna dietro allo scritto, sembra sapere ogni cosa, ogni sordido segreto dell'alta società e, soprattutto, non si fa alcun problema nel rivelare i nomi degli interessati. Proprio grazie a questa stampa di gossip, ben presto l’attenzione di signorine e madri viene catturata dal rientro a Londra, dopo una lunga assenza, del Duca di Hastings Simon Basset: uno scapolo incallito che in molte vorrebbero accalappiare.

A differenza della serie tv in cui abbiamo una panoramica sui componenti della famiglia Bridgerton, in questo primo capitolo ritroviamo, oltre a Daphne s'intende, quasi solamente Anthony, colui al quale sarà dedicato il secondo romanzo. Nonostante mi sia dispiaciuto non leggere di Eloise, Benedict e Colin, devo dire che la narrazione non manca di tener vivo l'interesse del lettore. I dialoghi sono vivaci e non mancano certo di umorismo, cosa che apprezzo davvero molto. Vi sembrerà banale forse ma una delle scene che più mi hanno strappato un sorriso è stata quella in cui la Viscontessa "allunga" le liste di candidati e candidati affinché i figli possano avere un aiuto verso chi poter rivolgere il proprio interesse; non ho potuto non pensare, per un momento, alla cara signora Bennett di Orgoglio e Pregiudizio e alla sua dedizione alla medesima causa (trovare un buon partito per ognuna delle sue figlie).

Lo stile di Julia Quinn è fresco, immediato e non annoia; descrizioni e dialoghi si compensano bene dando vita ad una lettura fluida che può essere apprezzata da più generazioni. A tal proposito, nonostante non vi siano "grosse" scene di sesso come nella trasposizione, la passione e la sensualità tra Daphne e Simon è piuttosto palpabile. Se cercate una storia capace di allietare il vostro pomeriggio in modo semplice e senza alcuna pretesa beh, Il Duca e io è proprio ciò che fa per voi. Cosa dirvi di più, ho già in programma di leggere anche gli altri, nell'attesa della seconda stagione della serie Netflix.

Consigliato: si
Tempo di lettura: 2 pomeriggi
Canzone consigliata: "Thank You, Next" di Vitamin String Quartet

martedì 2 febbraio 2021

Top Ten Tuesday #72 - Libri scritti prima della mia nascita

Rubrica ideata dal blog The Broke and the Bookish

Ideata dal blog The Broke and the Bookish nel 2010, la rubrica Top Ten Tuesday è passata sotto la guida del blog That Artsy Reader Girl e consiste nello stilare una classifica settimanale (in uscita ogni martedì, salvo imprevisti) su di un argomento specifico. L'argomento della top ten sarà quello utilizzato dal blog ideatore della rubrica di settimana in settimana.
Il tema di questa settimana è...
Libri scritti prima della mia nascita
Buon pomeriggio miei cari Folletti, come state? Mentre vi scrivo (siamo ancora agli sgoccioli di gennaio) fuori splende il sole e, nonostante l'aria sia piuttosto fredda, non mi dispiace passare un po' di tempo all'aperto tra una passeggiata e qualche lavoretto in giardino. E quale intrattenimento migliore per lasciar vagare i propri pensieri? A tal proposito, ho pensato alla mia lista di romanzi (e non solo) scritti prima della mia nascita.. siete curiosi di scoprire quali ho scelto? Bene, non ci resta che iniziare! Ricordo che cliccando sulle cover potrete leggere le varie sinossi.


Eccoci qui, non è stato poi così difficile scegliere dieci titoli.. e ce ne sarebbero stati moltissimi altri da inserire ma, ahimè, ho pensato di "nominare" quelli a me più cari. Coloro che mi leggono da un po' sanno che il primo romanzo che ho letto - e che mi ha iniziato al fantasy - è stato La Storia Infinita. Ovviamente non mi sono fermata qui, un decennio dopo mi sono avventurata nella Terra di Mezzo con Il Signore degli Anelli. Durante le mie letture, tuttavia, non sono mancati i classici quali Cime Tempestose, romanzo che mi ha fatto fare una lunga passeggiata nella brughiera.


Sono nata nel 1986 e giusto in quell'anno venne pubblicato Il Castello Errante di Howl. A seguito della visione del film d'animazione di Miyazaki, appena mi è stato possibile reperirlo in libreria, ho acquistato la trilogia di Diana Wynne Jones: è una delle letture a cui vorrei dedicarmi quest'anno. In questa lista non può mancare il genere horror e il suo maestro Stephen King mi ha regalato una delle primissime storie (se escludiamo la collana Piccoli Brividi): Le notti di Salem. Come vi dicevo, il mio amore per il fantasy risale all'infanzia e continua tuttora a tenermi compagnia; tra i vari titoli vi è anche Le Nebbie di Avalon della mia autrice preferita.

 

Proseguendo nella carrellata di titoli non può mancare una delle tragedie del grande drammaturgo inglese William Shakespeare: Amleto, infatti, è la mia opera preferita in assoluto. Quando ero alle elementari, subito dopo aver letto La Storia Infinita, la mi attenzione si focalizzò su Le Streghe di Roald Dahl (l'omonimo film l'ho visto giusto lo scorso anno), autore che ho ripreso solo di recente. Tra le varie trasposizioni che ho apprezzato e che vorrei rivedere vi è anche quella di Intervista col Vampiro di Anne Rice, il primo romanzo di vampiri che ho avuto modo di leggere.



Una ragazza alla moda mi fu regalato un Natale di moltissimi anni fa dai miei genitori e, sebbene siano passati più di due decenni, il ricordo della storia è ancora vivo. Quest'ultimo titolo mi porta, ahimè, anche alla conclusione di questo post. Spero che vi sia piaciuto e che, nel mio piccolo, vi abbia dato un qualche suggerimento per le vostre future letture ^.^ non mi resta, ora, che darvi appuntamento al prossimo articolo del blog!

mercoledì 13 gennaio 2021

Top Ten Tuesday #71 - Propositi/Speranze per il 2021

Rubrica ideata dal blog The Broke and the Bookish

Ideata dal blog The Broke and the Bookish nel 2010, la rubrica Top Ten Tuesday è passata sotto la guida del blog That Artsy Reader Girl e consiste nello stilare una classifica settimanale (in uscita ogni martedì, salvo imprevisti) su di un argomento specifico. L'argomento della top ten sarà quello utilizzato dal blog ideatore della rubrica di settimana in settimana.
Il tema di questa settimana è...
Propositi/Speranze per il 2021
Buongiorno miei carissimi Folletti, come state? Come ogni inizio d'anno, tutti noi ci proponiamo di rispettare scadenze e propositi e, diciamocelo, dopo l'anno appena trascorso abbiamo tutti un po' bisogno di sorridere e fissare qualche obiettivo che ci faccia stare bene e, soprattutto, con la testa impegnata, no? Ebbene, io non sono da meno e di seguito vi mostrerò quali sono i miei propositi per questo 2021...


Accanto a questi obiettivi abbastanza, come dire, standard c'è anche una speranza che mi preme condividere con voi.

Il 2020 è stato un anno duro sotto moltissimi punti di vista: la nostra quotidianità, lavorativa e affettiva, è cambiata. Tutti i luoghi di aggregazione come i ristoranti e pub, i cinema, i concerti, le palestre, la scuola, ossia tutto ciò che potevamo ritenere rientrare nella nostra definizione di comfort zone... tutto è stato stravolto e ridimensionato. Anche il mio lavoro ha subito dei cambiamenti tra riduzione dell'orario, chiusura e, conseguentemente, trasferimento sede per cambio di postazione. Tuttavia, nonostante questo, mi reputo davvero molto fortunata ad essere riuscita a lavorare fin da inizio pandemia, vedendomi rinnovare il contratto a termine prima e passare ad indeterminato poi.
Se vi chiedete che lavoro faccio ora ve lo dirò: lavoro come addetta alla portineria/reception (e ufficio posta), per conto di un istituto di vigilanza, presso un'azienda attiva nel settore della difesa, dell'aerospazio e della sicurezza.
Tutto è cambiato, anche il rapporto coi nostri cari (familiari ed amici) che ora possiamo vedere attraverso le videochiamate perché in un comune, regione o stato diverso, oppure di persona se mai ci sarà un'altra deroga come a Natale. 

La mia speranza per questo 2021, anche se il mio essere cinica va a cozzare un po' con la questione, è di vedere un cambiamento in positivo, una ripresa economica e lavorativa per il nostro paese, rivedere i luoghi di aggregazione riaprire, poter rincontrarsi con gli amici di sempre, e  la sconfitta di questo virus. Non sarà di certo facile, impossibile non riconoscerlo, ma c'è chi dice che la speranza è l'ultima a morire e io, sono sincera, voglio crederlo.

Bene raga, questi erano i miei propositi/speranze per questo 2021.
Quali sono invece i vostri? Fatemelo sapere con un commento! 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...